prev next

GAL

Il Gruppo di Azione Locale è uno strumento di programmazione che riunisce tutti i potenziali attori dello sviluppo (quali comuni, sindacati associazioni di imprenditori, imprese, ecc.) nella definizione di una politica “concertata". E’ composto da soggetti pubblici e privati allo scopo di favorire lo sviluppo locale di un'area rurale.

I GAL elaborano il Piano di Azione Locale (PAL) e gestiscono i contributi finanziari erogati dall'Unione Europea e dal Fondo Europeo Agricolo di Orientamento e di Garanzia.

Attraverso il progressivo consolidamento delle logiche programmatorie e decisionali partecipate e condivise previste dal LEADER, vengono favoriti percorsi ed atteggiamenti innovativi e, comunque, propulsori di effettivo cambiamento nell'ambito della sfera pubblica locale, del mondo imprenditoriale e della collettività, con conseguente emersione e valorizzazione di nuovi attori e nuove relazioni e l'affermazione di modelli locali di sviluppo orientati alla valorizzazione delle risorse e delle opportunità presenti nel territorio.

Il Programma di Sviluppo Rurale stabilisce le strategie, le priorità e gli obiettivi specifici da perseguire definendo in maniera piuttosto dettagliata anche gli strumenti, i soggetti, gli interventi e l'assetto operativo ed attuativo generale, nonché le principali modalità ed i percorsi esecutivi da attivare.

Il PSR Sicilia 2014-2020, approvato con Decisione CE C(2015)8403 del 24 novembre 2015, rappresenta lo strumento di finanziamento e attuazione del (FEASR) Fondo europeo agricolo di sviluppo rurale  dell’Isola.



NEWS

Sapori Divini è l’evento del Comune di Condrò che con degustazioni di vini e di prodotti tipici mira soprattutto alla valorizzazione e promozione delle eccellenze locali.

Il responsabile animazione del Gal Tirreno Eolie, Felice Oteri, sarà uno dei relatori del Convegno d’apertura dal titolo “Il futuro enologico in Sicilia, la vite, il vino, il marketing e la sperimentazione” che si terrà nella Sala San Vito Sabato 14 alle ore 17.30.


Capperi delle Eolie Dop, decreto pubblicato in Gazzetta: a Marzo 2020 sarà realtà

Ci siamo. Novanta giorni, tre mesi, perché la Dop Capperi delle Eolie sia registrata e diventi ufficiale su tutto il territorio europeo.

spaghetti-al-pesto-di-capperi-e-olive-870x380jpg

Ieri la pubblicazione nella Gazzetta Europea, come ha fatto sapere Luigi Polizzi, dirigente del Ministero delle Politiche Agricole. Ora i 27 stati membri avranno solo quest'arco di tempo per proporre le loro opposizioni. Un'ipotesi remota, ma plausibile. Quindi serve pazienza e incrociare le dita. Se tutto filerà liscio, a marzo 2020 sarà ufficiale la Dop Capperi delle Eolie. Non sarà la trecentesima dop italiana, perché le "concorrenti" Mozzarella Gioia del Colle Dop e Provola dei Nebrodi sono più avanti nelle pratiche burocratiche e, quasi sicuramente, saranno ufficializzate prima di quella dei capperi siciliani. È una meravigliosa opportunità per tutto l'arcipelago delle Eolie - ha detto Nino Caravaglio, uno dei produttori dei capperi di Salina - Una Dop che consentirà di unire tutti i nostri territori e iniziare un rilancio della coltivazione dei capperi, cercando anche di creare incentivi per i giovani che vogliono entrare in agricoltura e che qui hanno davvero pochissime possibilità".

La Dop, dunque, fra quattro mesi circa sarà realtà. Il consorzio sarà composto da una sessantina di aziende delle isole. E il disciplinare consentirà di coltivare capperi in tutte le sette isole dell'arcipelago delle Eolie. Le più vocate sono sempre Salina e Lipari, ma si ottengono buoni prodotti anche ad Alicudi e Stromboli. L'identità delle isole sarà sempre mantenuta in etichetta, perché i produttori, o chi venderà i capperi, potranno inserire in etichetta l'isola di origine dei capperi stessi. Una Dop, dunque, che intende unire le sette isolette del Tirreno un po' come aveva fatto la Doc Malvasia delle Lipari che all'inizio era stata vista come uno "scippo" dell'isola di Lipari a Salina, ma che invece ha contribuito a diffondere questo prodotto nel mondo grazie all'antico nome dell'arcipelago messinese. Oggi la produzione di capperi si attesta sulle 600/700 tonnellate all'anno. Circa la metà dei capperi delle Eolie, in questo momento, provengono da Salina. Un chilo di capperi viene venduto ad un prezzo medio di 15 euro al chilo. La Dop, però, ha l'obiettivo di far aumentare questa produzione, visto che il mercato ha una domanda che non riesce a soddisfare tutti gli anni. Il disciplinare prevede anche la possibilità di produrre capperi e di venderli a chi li può commercializzare. Il ruolo che nel mondo del vino viene definito del "conferitore". Si potrà, inoltre, prevedere una linea "non dop". Ma non sembra una scelta logica. La certificazione dei capperi e quindi i relativi controlli sul rispetto del disciplinare, saranno affidati all'Istituto Zooprofilattico di Palermo.

G.V.

on 28 November 2019. Pubblicato in Archivio articoli dal 05/04/2011 - Scenari


IN PRIMO PIANO

Sabato 30 Novembre A Pace del Mela si è tenuto un evento sui temi dello sviluppo locale con particolare attenzione ai territori rurali, alla diversificazione dell’economia ed alla valorizzazione dell’agricoltura.

L’attività di animazione territoriale programmata dall’Ufficio di Piano sta continuando a coinvolgere tutti i comuni del Partenariato. Ringraziamo il Comune di Pace del Mela, rappresentato dal Sindaco Mario La Malfa e dall’Assessore alle Attività Produttive, Mario Schepis, per averci ospitato; Stefano Salvo (Presidente dell’Ordine dei dottori agronomi e forestali della provincia di Messina), Ricciardo Pippo Maria (Ipa Messina) e  Marta Cerchiai (Azienda Agricola Lo Sciotto) per il loro contributo qualificante all’incontro.


prev next

Con una settimana di ritardo rispetto alle date previste del 15 -17 Novembre - a causa delle condizioni meteo - si è tenuta a Lipari, la Sagra del Vino e del Pane organizzata dall’Associazione A.C.R.S. Terme S. Calogero. Il Gal Tirreno Eolie ha aderito a questa XXXIV edizione della più antica sagra delle Isole Eolie che come consuetudine anima la frazione di Pianoconte di danze, musiche, costumi, prodotti enogastronomici della tradizione popolare contadina.  In particolare la Responsanbile animazione territoriale Maria Teresa Carbone e il Direttore Luigi Amato, sono intervenuti insieme al Sindaco di Lipari e Presidente del Gal Tirreno Eolie, Marco Giorgianni, al Convegno speciale dal titolo “Le Olive, dalla raccolta al Frantoio di Lipari”.  

Il Gal Tirreno Eolie è ben lieto di offrire il proprio contributo ad iniziative che come questa si danno il compito di ricordare, tramandare e valorizzare tradizioni, identità, cultura.


"International conference cooperation - tool for the promoting of local development" - 22-24 October 2019 – RAZLOG (SOFIA) - BULGARIA


Il direttore del GAL Tirreno Eolie dott. Luigi Amato ha partecipato alla conferenza internazionale in oggetto su invito del Ministero dell’Agricoltura della Bulgaria. L’ evento che ha registrato una signifcativa presenza di GAL e Autorita’ di gestione di diversi paesi europei (austria, belgio, francia, germania, grecia, italia, olanda , slovenia, slovacchia, romania, republica ceca, ungheria) è stato orientato a promuovere lo strumento della cooperazione transnazionale nell’ambito del leader/clld e ha fornito aggiornamenti sulla nuova politica di sostegno all’agricoltura nella programmazione post 2020. È intervenuta la Ministra dell’Agricoltura della Bulgaria Signora Taneva Dessislava che ha auspicato una profonda revisione delle procedure burocratiche amministrative che appesantiscono la gestione dei Gal che in Bulgaria come in altri paesi europei rappresentano un volano per lo sviluppo rurale nel rispetto dell’ambiente agro forestale. L’intervento è risultato molto condiviso dai presenti. il direttore del GAL, intervenuto nella sessione dei lavori, ha fornito un quadro informativo sulle condizioni di sviluppo delle coltivazioni biologiche in Sicilia, dell’interesse e della crescita del settore enogastronomico nella nostra regione, sottolineando anche i ritardi che si stanno registrando, purtroppo, nell’ attuazione del PSR Sicilia 2014 -2020 che rappresentano un forte rischio nel raggiungimento degli obiettivi della programmazione dei fondi europei. il Direttore durante i lavori, è stato anche intervistato dal “Telegraph” presente con la responsabile della sezione agri della rivista per un approfondimento sugli interventi previsti dal Piano di Azione Locale. Ma soprattutto l’interesse verso il GAL Tirreno Eolie è venuto da operatori bulgari quali la societa’ “EARTH Academy” - Italia” diretta dalla dott.ssa Lyuba Yonkova che già sta operando in Sicilia per mettere in relazione e scambi di esperienze produttive fra aziende italiane e aziende dei GAL bulgari. Questo consentirà di partire, a breve, con progetti transnazionale tra operatori bulgari e operatori del nostro territorio nel settore del patrimonio storico, la creazione di itinerari del vino e per la valorizzazione delle produzioni tipiche. Si aprono nuove prospettive in scenari internazionali con i quali relazionarsi, con il sostegno e il coordinamento del GAL Tirreno Eolie.

 

IL GAL TIRRENO EOLIE SBARCA A SALINA

  Si è svolto sabato 19 ottobre, presso la sala polifunzionale del comune di Malfa, Salina, un incontro/dibattito dal titolo: “Il Gal Tirreno Eolie per lo sviluppo rurale di Salina, terra di eccellenze enogastronomiche”. Il convegno è stata occasione per presentare il Piano di Azione Locale  del GAL agli operatori pubblici e privati di Salina. Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Malfa Clara Rametta, il Responsabile Amministrativo Finanziario del GAL, Piero David, ha fatto una panoramica dei bandi FESR attivati dal PAL fra cui la misura 3.3.2 che finanzia investimenti materiali e immateriali finalizzati all'organizzazione di prodotti e pacchetti turistici, azioni di web marketing, ma anche servizi di alloggio e ristorazione. Molto interesse ha destato anche l’attivazione della misura 4.5.2 che prevede la realizzazione di impianti di trattamento, sistemi di stoccaggio, piattaforme logistiche e reti per la raccolta da filiera corta delle biomasse. Pietro David ha anche accennato alla possibilità che i GAL in Sicilia diventino vere e proprie Agenzie di Sviluppo Locale con funzione di supporto e consulenza alla comunità locale nello sviluppo di progetti imprenditoriali. Il Responsabile di Misura, dott. Benedetto Puglisi, ha completato la panoramica dei bandi in via di attivazione da parte del GAL informando  alla platea intervenuta numerosa le misure di finanziamento in ambito FEASR attivate dal PAL.   Tre gli ambiti di intervento: Turismo sostenibile,   Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali, Valorizzazione di beni culturali e patrimonio artistico legato al territorio. Trasversalmente a questi tre ambiti tematici saranno attivati diversi bandi. Degne di nota le misure a sostegno di investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole (mis.6.4a: B&B, affittacamere, giardini didattici…), della creazione o sviluppo di imprese nei settori commercio, artigianato, turismo (mis. 6.4c: realizzazione di prodotti artigianali e industriali, sviluppo di attività commerciali…) e di investimenti di fruizione pubblica in infrastrutture ricreative, informazioni turistiche e infrastrutture turistiche su piccola scala (mis.7.5: recupero di immobili da destinare a info point, itinerari e sentieri all’interno di aree naturali, marketing territoriale…) A moderare i lavori Giuseppe Siracusano, membro del Consiglio di Amministrazione del Gal Tirreno Eolie, che ha sottolineato quanta parte attiva l’imprenditoria di Salina ha avuto nella costituzione di questo GAL. In conclusione è intervenuto il Direttore Luigi Amato, che ha evidenziato come il GAL si stia adoperando in parallelo alla elaborazione dei bandi a partecipare alle iniziative di cooperazione tra imprenditori per la valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche dei territori del GAL (Vino mamertino, Malvasia delle Lipari, Capperi, formaggio Maiorchino) . In questa direzione sono stati già avviati contatti con il coordinatore dei GAL della Lombardia e lo stesso Direttore martedi 22 sarà a Sofia (Bulgaria) per partecipare alla “Cooperation – Tool for the promoting of local development”” organizzata dal Ministero dell’Agricoltura della Bulgaria.  

 Milazzo 20/10/2019

prev next

Si è svolto ieri a Lipari, presso l’hotel Aktea, il convegno di presentazione del Piano di Azione Locale del “Gal Tirreno Eolie” dal titolo: “Da una sponda all’altra: le nuove opportunità di sviluppo rurale dei territori”. Presenti, oltre il direttore Gal - dott. Luigi Amato, il direttore del Gal Golfo di Castellammare prof. Andrea Ferrarella e il direttore del Gal Natiblei dott. Sebastiano Di Mauro.  

Il sindaco di Lipari Marco Giorgianni, in qualità di presidente del Gal, ha introdotto i lavori esprimendo la propria soddisfazione per la costituzione e l’avvio di questo nuovo partenariato che coinvolge i quattro Comuni delle isole Eolie, e altri dieci della costa tirrenica fra i quali Milazzo, e di un’ampia compagine di partner privati (112) Uno strumento che rappresenta un primo passo per più ampie logiche di sviluppo territoriale. Una vera e propria scommessa.  

In seguito l’arch. Mariateresa Carbone, responsabile dell’animazione del Gal per il comprensorio delle Eolie, ha presentato l’evento con una informativa di carattere generale sulla funzione dei 23 GAL siciliani ma soffermandosi sull’importanza della presenza al Convegno dei rappresentanti di tre diversi Gal della Sicilia sottolineando come la collaborazione fra Gal di diversi territori possa proiettare le politiche di sviluppo locale con più forza verso l’esterno dei confini isolani.  

Il dott. Luigi Amato, ha introdotto la strategia di sviluppo locale del Gal Tirreno Eolie, indicando le misure che saranno finanziate e che, per la prima volta, non interesseranno solo i fondi del Programma di Sviluppo Rurale (FEASR) ma, con un approccio plurifondo (CLLD), anche altri fondi comunitari come il FESR, arricchendo così le possibilità di programmazione e finanziamento.  

Il Direttore Amato ha specificato che pur essendo una limitata dotazione finanziaria (circa 9 milioni di euro tra fondi pubblici e cofinanziamento dei privati) per i fabbisogni di un’area cosi vasta, si tratta di avviare un processo virtuoso che potrà generare nuove prospettive di crescita dei territori.  

Sono intervenuti infine il prof. Andrea Ferrarella ed il dott. Sebastiano Di Mauro che, dall’alto della loro conclamata esperienza hanno fatto riferimento ad una misura (la 16,3) che attiva e finanzia processi di aggregazione aziendale di diversi territori per una politica di promozione e di marketing territoriali che valorizzi le tradizioni, la cultura, il patrimonio architettonico e paesaggistico dei territori dei GAL per aggredire nuovi potenziali mercati turistici e consolidare quelli già maturi come le Eolie.  

A conclusione, il Presidente Giorgianni ha ringraziato i presenti indicando che questo incontro rappresenta un primo momento di approfondimento delle tematiche che saranno ulteriormente approfondite a seguito delle emanazioni dei bandi nei prossimi mesi, ma si muove in continuità con il lavoro avviato nel 2016 nei territori che poi hanno registrato la nascita di questo nuovo partenariato. Al Convegno hanno preso parte i Consiglieri di Amministrazione del Gal Dott. Christian Del Bono presidente della Federalberghi Eolie e il Dott. Francesco Scaldati .  

Alla fine dei lavori il GAL con la collaborazione delle aziende di produzione locali (Antica Fattoria di Vulcano, Italiana Capers Sud, l’Ape Gaia, la gelateria Papisca, la Cantina dell’Azienda “La Pergola di Anna e Lorelisa Costa, la Caravaglio Vini) ha offerto ai partecipanti un’ottima degustazione tutta a base di prodotti tipici locali.

La Direzione


prev next

 

INDAGINE ESPLORATIVA DI MERCATO

(pubblicato il 31/07/2019)


Lipari 23 Luglio 2019

Il Consiglio di Amministrazione del GAL Tirreno Eolie presieduto dal Sindaco del Comune di Lipari Marco Giorgianni nella seduta del 22 luglio 2019 ha approvato diverse iniziative di notevole importanza per il ruolo di agente dello Sviluppo economico dei territori da parte del GAL

In particolare si segnalano :

L’iniziativa proposta dalla Direzione del GAL, di candidare il GAL Tirreno Eolie quale referente unico per avviare le procedure del riconoscimento dell’Area di crisi complessa di Milazzo. I Sindaci presenti all’interno del Consiglio di Amministrazione che hanno condiviso l’iniziativa ritengono di dovere incontrare tutti gli altri sindaci del comprensorio per definire le procedure e il coinvolgimento dei rispettivi Consigli Comunali. Si tratta di una opportunità che la normativa e il Ministero dello Sviluppo Economico offrono al territorio in cui insistono oggi gli opifici chimico industriali. Sono fondi nazionali e comunitari per la riconversione e ristrutturazione per la ripresa di uno sviluppo economico  sostenibile.

Il Consiglio ritiene che l’idea rilancia il ruolo del GAL che con la sua struttura professionale e con gli Uffici di Milazzo e Lipari può fornire un importante contributo alle dinamiche di sviluppo dell’area del Milazzese e delle Eolie.

La partecipazione al partenariato per il riconoscimento del “Distretto delle Filiere e dei territori della Sicilia in rete” di cui all’Avviso pubblico prot.1885 del 19.04.2019.

Si tratta di una compagine che racchiude 16 GAL , 5 GAC e le più importanti filiere strutturate delle produzioni agroalimentari della Sicilia (cerealicola, olivicola, frutta secca, officinali, orticola, agrumicola, ittica). La partecipazione ha registrato anche la presenza della Federalbeghi Eolie e della ditta Caravaglio vini.  Nasce così una nuova realtà che lavorerà per la valorizzazione dei prodotti e dei correlati sotto il brand made in Sicilia.


Nella stessa seduta il GAL ha ratificato adempimenti amministrativi della Presidenza fra i quali si segnala il programma di animazione territoriale che nel mese di Settembre vedrà la realizzazione di numerosi eventi di presentazione delle attività del GAL e dei bandi di prossima adozione; nonché la ratifica della costituzione della Associazione della Rete Rurale dei GAL .


COMUNICATI

Il GAL TIRRENO EOLIE partecipa alla presentazione del progetto per il riconoscimento del Distretto del Cibo di Sicilia. 

Il Gal Tirreno-Eolie aderisce alla costituzione del Distretto del Cibo di Sicilia denominato “DISTRETTO DELLE FILIERE E DEI TERRITORI DI SICILIA IN RETE”, e all’adozione il relativo “Accordo di Distretto del Cibo di Sicilia”, ai sensi dell’Avviso di cui al Decreto dell’Assessore Regionale dell’Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea n. 12/GAB del 4.2.2019 e Bando pubblico.

Il partenariato è composto dalle più importanti filiere agroalimentari strutturate presenti nel territorio della Sicilia (ittica, agrumicola, arancia rosa, frutta secca, carni) oltre a filiere non strutturate e a singole imprese ed Enti. 

L’obiettivo – reso imprescindibile dalla dimensione globale assunta dalla competizione interna e internazionale - è quello di costruire un Macro Distretto del Cibo siciliano che possa consentire l’attuazione di strategie comuni di promozione dell’intero patrimonio agroalimentare siciliano, in stretta connessione con la valorizzazione delle risorse turistiche collegate ai territori di produzione.


EVENTI

Altro momento di confronto su strumenti, strategie ed opportunità, organizzato dal Gal Tirreno-Eolie.
Giovedì 1 Agosto a Torregrotta si discuterà di sviluppo rurale multifunzionale, diversificato e sostenibile, in grado di rispondere alla formazione di nuovi bisogni dei cittadini che si traducono in una domanda aggiuntiva rivolta all’agricoltura, rispetto a quella tradizionale, di beni e servizi.

 
 

Si è svolta a Lipari nel magnifico scenario del porticciolo di Marina Corta, una splendida iniziativa curata dalla condotta Slow Food delle Isole di Sicilia dal titolo " Gusta le Eolie" con la partecipazione dei più noti chef dei ristoranti dell'isola. L'iniziativa giunta ormai alla IV edizione intende promuovere e valorizzare i prodotti tipici dell'agricoltura e della pesca locale ha precisato il Governatore regionale di Slow Food Saro Gugliotta. All''evento ripreso dalle TV locali hanno partecipato oltre alle autorità locali il Direttore del Gal Tirreno Eolie dott. Amato e il Consigliere di Amministrazione dott. Christian Del Bono.


 

La terra del mamertino e del gelsomino – Radici da rinvigorire

Convegno del 29 Maggio 2019

Nell’ambito della prima edizione della “Festa dei Fiori” promossa dal Comune di San Filippo del Mela, che si è svolta  dal 29 maggio al 2 giugno 2019, è stato organizzato in collaborazione con il GAL Tirreno Eolie, il convegno “La terra del mamertino e del gelsomino – Radici da rinvigorire”. Il convegno, che ha visto una nutrita partecipazione di operatori del settore agroalimentare e florovivaistico oltre a rappresentanti delle Istituzioni Locali, tra cui anche l’Università Popolare Comprensoriale Filippese, si è svolto nella straordinaria cornice dell’Agriturismo Fontanelle di San Filippo del Mela.



L’agriturismo Fontanelle è un fondo agricolo di antica tradizione, appartenuto da molti secoli ai Baroni Ryolo di Milazzo. Si trova situato sulle colline di San Filippo del Mela, di fronte alle Isole Eolie. Da sempre, olio e vino sono state le colture più adatte al terreno dei suoi campi, un terreno forte ma ricco d’acqua sotteranea. Tutti gli edifici, risalenti al 1800, sono stati restaurati nel rispetto dei tesori storici in esso contenuti, quali le macine di pietra usate per la frantumazione delle olive, ed i torchi a vite dell’antico frantoio, e si è ovunque rispettato l’impianto architettonico del complesso rurale.

Ad aprire i lavori è stato il Sindaco del Comune di San Filippo del Mela, Avv. Gianni Pino che ha ricordato come il territorio del Comune di San Filippo del Mela, nei secoli è stato da sempre contraddistinto da una vocazione agricola e florivivaistica di alta qualità, prima dell’avvento indiscriminato dell’industria pesante (1960) che ne ha condizionato fortemente lo sviluppo negli anni successivi. San Filippo del Mela dice il Sindaco Pino, è un paese portatore di quel patrimonio storico e culturale che affonda le radici in una tradizione profonda. La comunità filippese, attraverso la voglia infinita di cercare momenti aggregativi e socializzanti, ha sempre trovato la sua anima più vera, che ancora oggi continua a vivere nonostante la folle corsa della cultura moderna tenda a spazzare via ogni memoria del passato. Dobbiamo quindi fermarci un attimo ad ascoltare le voci del passato attenti e muti perché ormai esse sono fin troppo flebili. Le tradizioni sono la componente fondamentale della nostra cultura, in quanto portatori di profondi significati e testimonianze indelebili. Esse racchiudono le tracce di generazioni e generazioni che rappresentano il senso di una continuità fortemente legata alla propria identità storica e culturale. Siamo figli di questa terra. San Filippo del Mela è padre e madre per noi che cresciamo nutrendoci di quel sentimento di grande amore e profonda appartenenza.  

Il Direttore del GAL Tirreno Eolie, dott. Luigi Amato ha sottolineato l’importante ruolo che il GALTirreno Eolie svolge a sostegno dello sviluppo delle aree rurali su cui ricade, ribadendo come l'espressione "sviluppo locale di tipo partecipativo" (in inglese Community- Led Local Development, sintetizzato nell’acronimo CLLD) è utilizzata dalla Commissione europea per descrivere un approccio che rovescia radicalmente la tradizionale politica di sviluppo dal tipo "top-down" (dall'alto verso il basso) a quello “bottom-up” (dal basso verso l’alto), promossa e gestita dai livelli di governo locali. Con il CLLD è la popolazione locale a prendere in mano le redini della situazione e a formare un partenariato locale pubblico-privato (il GAL) che elabora e attua una strategia di sviluppo integrato. La strategia è concepita in modo da svilupparsi sulla base dei punti di forza sociali, ambientali ed economici, ossia sul patrimonio della comunità, piuttosto che limitarsi a compensarne i problemi. Il GAL Tirreno Eolie, intende operare associando a una corretta gestione e valorizzazione del giacimento di risorse d’area una fattiva volontà di crescita, guidando in tal modo la proiezione del passato socio-economico verso il futuro entrante con grande beneficio per l’occupazione del luogo. Suo compito è quello di attuare il Piano di Sviluppo Locale (PSL), finanziato dalla Regione siciliana, nella convinzione che la promozione e valorizzazione turistica del territorio sia uno dei pochi interventi capaci di tenere conto di tutte le peculiarità di un contesto rurale, delle aspettative dei diversi stakeholders e delle valenze paesaggistiche, culturali ed architettoniche che il territorio può offrire. Il GAL Tirreno Eolie si adopererà nella messa in atto di interventi e attività volti a concretizzare opportunità di ascesa economica dei suoi sistemi locali nel lungo periodo.

In conclusione l’intervento del dott. Felice Oteri, Responsabile Animazione del Gal Tirreno Eolie, che ha posto l’accento suI “sapere contadino” e sulla sua straordinaria capacità di rappresentare – in una società post-industriale - un repertorio di usanze, pratiche colturali e interpretazioni del mondo da non conservare accuratamente in qualche teca, buono per ricordarci delle nostre radici, in quanto costituisce ancora oggi una “risorsa strategica” utile per affrontare il futuro che ci attende. La crisi di un modello di sviluppo espansivo che, soprattutto nel corso degli ultimi lustri, ha incrinato alcuni degli equilibri tradizionali del pianeta assieme alla fiducia incondizionata sulle ricadute economiche e sociali che questo modello rappresentava, ha portato alla riscoperta di punti di vista ed atteggiamenti propri del mondo contadino : il valore della bio-diversità opposto alla omologazione colturale e culturale, l’importanza delle tecnologie “dolci” e rinnovabili, l’impiego di pratiche sociali (come la “banca del tempo” o i community gardens) in grado di contrastare il senso di spaesamento e di solitudine caratteristico di un mondo prevalentemente “metropolizzato”.

In realtà molte di quelle che oggi ci appaiono come straordinarie “invenzioni” della post-modernità altro non sono che la rielaborazione di soluzioni operative, pratiche quotidiane e tecnologie sviluppate dal mondo contadino nel corso dei millenni della propria evoluzione e non deve stupirci più di tanto che queste “invenzioni” riguardino l’ambiente metropolitano (le foreste urbane, gli orti metropolitani) più ancora di quello rurale.

Inoltre Oteri ha affermato che, affinché tutto questo possa concretizzarsi nelle politiche di sviluppo territoriale, si ritiene di straordinaria importanza il valore delle “abbondanze” locali, cioè di quelle ricchezze materiali e immateriali che i nostri territori custodiscono in fatto di saperi, tradizioni, cultura, ambiente, paesaggio, storia, beni monumentali e artistici, floricolture e prodotti enogastronomici tipici. Perché “vivere bene” non significa ricerca del lusso né rincorsa all’eccesso, ma esprimere un’idea nuova del bello, del buono, del giusto e della natura.

L’incontro ha rappresentato un momento straordinariamente utile a stimolare una riflessione sul futuro e sul senso da dare nel contemporaneo, alla storia e alla cultura del mondo contadino e della agricoltura più in generale, in una auspicabile alleanza con i fautori di un ripensamento sulle politiche ed etiche del rapporto con la terra.



Martedi 18 Giugno, a Milazzo presso il Palazzo D’Amico, alla presenza di cittadini, istituzioni, operatori e tecnici si è discusso di territorio, strumenti, strategie, sviluppo, opportunità. Ringraziamo gli organizzatori per averci dato la possibilità di illustrare struttura e le linee guida del Gal Tirreno Eolie.

prev next
 
 

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Nullam porttitor augue a turpis porttitor maximus. Nulla luctus elementum felis, sit amet condimentum lectus rutrum eget.

UA-78118605-1
Close

Questo sito utlizza cookie. Può leggere come li usiamo nella nostra Privacy Policy.